domenica 5 febbraio 2017

Riciclo velocissimo indumenti smessi: il paraspifferi, senza forbici né ago&filo

Sono in una delle mie fasi di decluttering intensivo, che questa volta in particolare sembra quasi un raptus incontenibile: niente sfugge alle mie grinfie. E, a differenza delle volte precedenti, sto cercando di riusare/riciclare SUBITO ciò che prendo in mano, senza limitarmi a spostarlo/trovargli un nuovo posto. E, udite udite, sto anche buttando via alcune cose accumulate in attesa di trasformazione.


Protagonisti indiscussi di questi giorni sono gli indumenti smessi: abiti ormai piccoli delle creature cresciute, pantaloni bucati e strappati, magliette orrendamente macchiate indelebilmente (perché se sono poco macchiate indelebilmente le recupero con la pittura su stoffa), vecchie e smunte coperte, ecc... Questa categoria di materiale da riciclare si è guadagnata questo "onore" anche e soprattutto a causa della sua quantità; infatti non ho solo gli indumenti della mia famiglia (e siamo in 4 persone), ma anche quelli di amiche (e relative famiglie) che sanno che prima della discarica ci sono io.

Ma veniamo al soggetto di questo post: il paraspifferi, ovvero quel "salsicciotto ripieno" che si mette in inverno davanti alle finestre per evitare che entrino per l'appunto gli spifferi d'aria.
E non è certo un'idea né geniale né innovativa quella di riempirlo di stracci, dato che le nostre nonne lo facevano già dalla notte dei tempi.
Ma io ho usato un metodo velocissimo per realizzarlo (circa un quarto d'ora), che inoltre mi consente eventualmente di ri-usare gli indumenti che lo riempiono in un secondo momento, dal momento che non vengono né tagliati né cuciti. In ogni caso, rende più agevole il lavaggio e soprattutto l'asciugatura dell'interno, dato che si può "smontare" completamente in un attimo.

paraspifferi riciclo indumenti 2

1. Ho disposto sul tavolo gli abiti piegati sommariamente, stendendoli e sovrapponendoli leggermente, fino a formare un rettangolo lungo quanto la lunghezza del vano della finestra in cui dovrà essere utilizzato il paraspifferi e largo una quarantina di centimetri; quest'ultimo dato dipende dallo spessore che dovrà avere il "salsicciotto"... io mi sono regolata a occhio.
2. Ho arrotolato il "puzzle" di vestiti cominciando da uno dei lati lunghi.
3. Ho bloccato il rotolo ottenuto con degli elastici disposti a distanze regolari cominciando da una estremità.
4. Ecco il serpentone legato come un arrosto.

paraspifferi riciclo indumenti 3

Io avevo in giro un copri-paraspifferi fatto all'uncinetto più di una ventina di anni fa e mandato quasi subito in pensione; è lavorato in modo semplicissimo, ovvero con due giri di sole maglie alte alternati ad un giro composto da *1 maglia alta - 1 catenella - 1 maglia alta saltando una maglia di base* ripetuto per tutto il giro.
Se non si ha, o non si vuole realizzare, un involucro all'uncinetto o ai ferri si può anche usare la gamba di una calzamaglia, le maniche di un vecchio maglione, un rettangolo ricavato da una vecchia coperta cucito sul lato lungo.
Per chiudere le estremità del mio paraspifferi io ho usato due laccetti che fino a poco prima erano la coulisse di un pantalone finito arrotolato nel "ripieno".

paraspifferi riciclo indumenti 4

Ed ecco il mio serpentone al suo posto. Se fosse destinato alla cameretta dei bambini si può anche rivestire con un involucro lavorato all'uncinetto come in questo caso, ma un po più grazioso e spiritoso come Vanessa la serpentessa.
Questo è un metodo velocissimo per riciclare vecchi abiti smessi; un modo mediamente svelto è quello di tagliarli in modo da formare una striscia continua di fettuccia da lavorare all'uncinetto o ai ferri, e una maniera molto meno rapida, ma di grande soddisfazione, è il patchwork senz'ago.

A presto. =)



16 commenti:

  1. Ottimo riciclo .... il risultato finale oltre che utile è anche elegante.
    Buona settimana creativa
    Gio

    RispondiElimina
  2. fantastica idea questo paraspifferi!!

    RispondiElimina
  3. Sempre utile in casa...ottima idea!

    RispondiElimina
  4. Ottima idea di recupero, ricordo che anche la mia mamma ne preparava parecchi: abitavamo in una casa molto vecchia e fredda e gli spifferi di certo non mancavano!
    Buona settimana
    Carmen

    RispondiElimina
  5. Ottimo riciclo Dani! Un riciclo che si ricicla!
    Bello e utile!
    E cosa sentono le mie orecchie? Stai buttando qualcosa? Non ci posso credere!;-)))
    Viva il decluttering!
    Un abbraccione grande
    Maria

    RispondiElimina
  6. Bellissimi riciclo!
    Davvero utile e bello da vedersi.
    Finalmente sto riprendendo le vecchie e care abitudini dopo la scossa (positiva) della pensione, peccato che dopo 2 giorni che ero a casa mi sono presa l'influenza con febbre alta e quindi sta andando tutto un po' più a rilento del previsto. Ma recupererò tutto pian piano.
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
  7. Decisamente una genialata! Ti copio immediatamente!

    RispondiElimina
  8. La guru del riciclo! Wow Dani hai fatto un ottimo lavoro, sia con il paraspifferi, che trovo delizioso, sia per il fatto che hai il coraggio di prendere e buttare. Io ci penso sempre mille volte e ogni volta che butto qualcosa, ecco che dopo pochi giorni mi serve! Però alle volte vengo rapita da una specie di raptus e butto senza pensarci... Altrimenti devo uscire di casa!

    RispondiElimina
  9. Fantastica idea, perfetta per me che sono negata per il cucito!
    Anche l'idea di infilare il salsicciotto nella gamba di una calzamaglia è geniale!
    Grazie!
    Buona settimana :-)
    Serena

    RispondiElimina
  10. Ottima idea per quelle come me che non sanno cucire ma che hanno tanti spifferi fastidiosi!

    RispondiElimina
  11. I tuoi ricicli sono sempre molto utili! Un bacio Dani, Sabrina

    RispondiElimina
  12. beh come sempre dico 6 geniale!!!

    RispondiElimina
  13. Ottimo riciclo! Senza Ne'taglio ne'cuci è ancora più fantasioso
    Bacioni Alessandra

    RispondiElimina
  14. Ma che idea e senza cuciture!!!!! Ottimo riciclo!!!
    Un abbraccio
    MGrazia

    RispondiElimina
  15. E' un'idea fantastica, ed è anche molto più bello rispetto a quelli in commercio! Grande Dani ;)
    Baci
    Sy

    RispondiElimina

Grazie per il tuo tempo dedicato a lasciarmi un commento.
La tua opinione è preziosa affinché questo blog possa migliorare.
Leggo con vero piacere tutti i messaggi; rispondo direttamente via mail a ciascuno (perchè ciò sia possibile, controlla di non essere "no-reply").
Rispondo sul blog a domande precise la cui risposta potrebbe essere utile anche per altri lettori.
Daniela

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...